Fare click sulla foto per tornare a galleria fotografica

 

Il vecchio campanile della Chiesa Madre 1945 ca.

 

VOCE DELLE MIE CAMPANE

Come quella della mamma
 
sei cara,
 voce delle mie campane:  
 
assieme vi apprese
 il cuore fanciullo.

 L ‘una, suadente alla nanna,
 in un dolce sussurro
 dei sogni schiudeva le vie;
 l’altra, coi miti rintocchi,
 dall’alto,

 
tingeva i miei sogni d’azzurro.
 Come quella della mamma
 sincera,
 presente a tutte le ore:

 nell’ora che piange,  
che canta, che prega,  

 
nell’ora che vola,  
 il mio cuore

 

 

 compagna ti ha cara  
 nel solitario suo andare.  
 Compagna di tutte le vie:  
 di quella che l’alba  
 saluta,  
 tra i voli, col canto,  
 dell’altra che placida  
 scende nel roseo tramonto...  
 E sarai l’ultima voce,  
 che sola,  
 coi sospiri del vento,  
 su una culla fiorita  
 di viole e di pace  
 passerà ancora,  
 ma invano,  

 nel silenzio laggiù

 bianco di croci....

 bianco di croci...