fare click sulla foto per tornare alla galleria fotografica
 
 
 
VEDUTA INTERNA CHIESA PARROCCHIALE S. GIOVANNI EVANGELISTA
 

    L’archivio parrocchiale conserva diversi manoscritti che fanno riferimento alla primitiva chiesa madre, o matrice, come spesso viene chiamata, che andò distrutta in un disastroso incendio verso la fine del 1400, per cui se ne edificò un’altra e della quale il clero prese possesso, come da atto del notaio Sabato D’Alessandro, il 20 agosto 1542.
    Della prima chiesa scarse sono le notizie tramandate, in quanto anche le preziose carte conservate in archivio andarono tutte distrutte nell’incendio.
    L’attuale edificio sacro, consacrato nel 1602, nel corso dei secoli ha subito varie trasformazioni.
    All’atto della presa di possesso la chiesa madre risulta dedicata a S. Giovanni Battista, in seguito però risulta quasi sempre titolata “S. Giovanni Evangelista”, mentre ab immemorabili la Comunità è affidata alla protezione del Battista e in seguito anche alla Madonna del Carmine.
        L’artistica e ricca statua di S. Giovanni Battista, di epoca e autore ignoti, viene portata in processione due volte all’anno e precisamente il 24 giugno, giorno della sua nascita, e 1129 agosto, giorno del suo martirio.
         La novena, che precede la festa del 24 giugno, si conclude con una caratteristica processione a tarda ora del quadro con l’immagine del Battista nella vigilia della festa.          Quest'anno in occasione del Grande Giubileo del 2000 ed in occasione del bimillenario della  nascita del Battista, per i giorni della novena la statua del Battista è stata portata in processione nelle varie comunità parrochiali di Sassano.