Fare click sulla foto per tornare a galleria fotografica

 
 
 
 

Panorama di Sassano
 

U’ paiso mio

   Cume morra ri pecore ca pasce 
   ti pare ra luntano ‘stu paiso...
   Sfurtunato si crere chi ‘nci nasce,
   chi si ne vai, po’, si sente ‘mpiso
   
e sonna ri turnà: si chiange e conta
i iuorni e penza sempe a chi ha dimase.
Stu paiso, ca primo, quanno sponta,
saluta ‘u sole e primo, quanno trase! 

   Ammasunato ‘ncoppa a nu tumpone
   a chiana ‘mpere arricamata tene:
   s’ammira, cume fosse a nu barcone,
   s ‘appoggia a Muntepanno ca ‘u mantene; 

‘a Rifesa, ‘a Crucecchia e‘ a cappiddota,
quanno chiove, ‘u riparano ‘a nu lato,
rifronte, si ‘u tiempo a bboria vota,
‘a ra sant Anna si sente accuvato; 

   po n‘ata costa, addònne schiara iuorno,
   face mureia e ‘u stai nu poco annanti:
   San Michele, ca spia tutt ‘attuorno
   e ra ddà ‘ncoppa pesa a tutti quanti...
   
Ai quatto viersi, una rimpetto a 1’ata,
fora ‘u paiso, so’ quatto Maronne:
‘a Grazia chiama a santa ‘Nunziata,
‘u Carmine a ‘u Lurito, ca risponne;   

   e tutte ‘nzieme, muntagne e cappedde,
   ra ogni lato chiurono, a ddifesa,
   ‘ste ccase ammuntunate e poveredde,
   accòte tutte attuorno a’ Mamma Chiesa 
 
ri san Giuanni, ‘u santo Prutettore,
ca tene ‘na campana: quanno ‘ntona,
ogni ‘ntinno ca rai ti sfonna ‘u core
e ‘nterra e ‘ncielo canta, chiange e sona…

 

 

   Int’a ‘sta chiesa e ‘ncoppa l’autare
   si t’in ginucchi e dici ‘na prighiera,
   ti viri annanti ri persone care
   e torna ‘a vita tua, tutta, cum ‘era:
   
ti sienti strenge’ ‘a mano ‘nt ‘a ‘na mano,
ti vene a mente ‘a voce, nu sorriso
ri chi ancora ti rice chiano chiano: —
Prega..., nui t ‘aspettamo ‘mparaviso... — 

   ‘A Funtana, ‘u Vaddone e ‘a Funtanedda
   so’ surgenti, addò l’acqua fresca e netta
   scorre e rire e straluce a cuncaredda,
   e ogni conca è ‘na fonte biniretta:

si arrivi a ‘stu paiso, ‘u murmurìo
ri ‘st ‘acqua t ‘accarezza roce roce:
ti sienti ‘mpace e ti vene ‘u gulìo
ri ci ‘mponne’ ‘na mano e farti ‘a croce... 

   E chi mai si scorda ‘u munumento,
   a chiazza, ri carrare e u campusanto?
   ‘nci hanno ‘nchiuvato ‘u core e ‘u sintimento
   ri Sassanisi  l’alligrezza e ‘u chianto...: 
 
i    Sassanisi, ‘sta gente tinace,
ca vai a faticà’ ‘nterre luntane,
ca soffre e spera, ca nun trova pace
e manna a casa sua lacrime e pane...; 

   s abbrigano ogni tanto cu’ rancore
   quiri ca pi’ campà’ nun vano ‘ngiro,
   ma sempre l’uno a l’ato rai calore,
   cume aucieddi ‘nt ‘a lu stesso niro.

A loro è ‘ndirizzata ‘sta canzone
cu’ ‘a voce ri criature cchiù ‘nnucente,
cu’ tutto ‘u core, l’anima e ‘a passione,
a ‘stu paiso, a ‘st ‘azzaregna gente

 

 

Note del poeta sulla poesia

        Sassano, il paese mio, che è situato su una balza ad ovest di questo magico tappeto ricamato e cangiante, che è il Vallo di Diano, e colta e descritta nella sua posizione topografica, tra le colline che la cingono - il Montepanno ad ovest; la Difesa, la Cappellota e il crocicchio a sud; il colle di Sant'Anna a nord; San Michele ad est - in un abbraccio di naturale difesa con le sue cappelle intorno e le sue sorgenti, rilucenti alle entrate dell'abitato come acquasantiere invitanti alla preghiera e alla pace nella sacralità dei sentimemti, delle tradizioni e delle memorie; la Chiesa Madre di san Giovanni, con la voce canora, triste, osannante delle sue campane, con le case ad essa addossate, le stradine, la piccola piazza col suo monumento, il camposanto diventano altrettante tappe del cuore in un itinerario d'amore; i sassanesi, di cui molti sono costretti ad emigrare, portano con se il disagio, l'ambascia e le lacrime di tutte le lontananze, sono gente laboriosa e tenace, dura e tersa come l'acciaio, aperta alla solidarietà e al calore umano, anche se, a volte, quelli che vivono nel "natìo borgo" sembrano rissosi come e quanto lo possono essere gli uccellid'uno stesso nido...

        Ai fanciulli, alla loro voce, freschezza d'un rinnovato retaggio di vita interiore, sono affidati i versi nella dolce lingua dei padri: significazione d'una promessa rigogliosamente fronteggiante su radici profonde?....