Teggiano

     Nel 1480 Antonello Sanseverino, Principe di Salerno e Signore di Diano sposa Costanza, figlia di Federico da Montefeltro, il grande Duca di Urbino e insieme si recano in visita a Diano (odierna Teggiano) dove per l’occasione l’intero feudo contribuisce ad organizzare grandiosi festeggiamenti in loro onore.
     Per questa festosa accoglienza Costanza dona ai sudditi un’opera d’arte che i sei Comuni che componevano Stato di Diano decidono di contendersi nel Palio dei Casali con la "Giostra dei Ceri".
In ricordo di quest’avvenimento, per riviverne i fasti e la magnificenza, la Pro Loco Teggiano organizza questa festa medioevale di metà agosto.
     Passando per le antiche stradine ci si imbatte in fedeli ricostruzioni di ambientazioni e vecchi mestieri come l’arte del fabbro, della terracotta, della pietra, del vetraio, del cuoiaio, del ricamo, della tessitura, della filatura, dello speziale, dello scrivano e poi il Corteo Storico, gli sbandieratori e i trombonieri, le musiche antiche di menestrelli e musici, i saltimbanchi e i giocolieri, il Banco di Cambio con gli antichi Ducati, Tari e Tornesi e le antiche taverne con pietanze medioevali.

San Pietro

Sant'Arsenio

San Rufo

Monte San Giacomo

Sassano

cliccare  per vedere le foto